da Coltivarecondividendo - La soddisfazione è davvero grande, anche quest'anno CHIAMATA A RACCOLTO (la giornata dedicata alla biodiversità, allo scambio sementi, alle auto produzioni e al coltivare sano e sostenibile) ha avuto un gran successo sia in termini di visitatori (diverse migliaia) che di espositori.

 La la prima cosa che ci viene spontaneo dire è: GRAZIE!! Un grazie di cuore a tutte e tutti coloro che ci hanno aiutato a costruire e rendere davvero speciale anche questa edizione di "CHIAMATA a RACCOLTO"

Grazie ai tanti espositori giunti da varie regioni d'Italia a anche dall'estero per far conoscere loro progetti, conoscenze, percorsi..le sementi recuperate, conservate, riprodotte e distribuite. Dai "bambini pirati" che ci hanno emozionato con il loro entusiasmo, ai tanti "salvatori di sementi" che speriamo abbiano contagiato molte persone con la loro passione e competenza. Un grazie anche a chi sta continuando a denunciare il pericolo degli OGM e dell'agricoltura intensiva a chimica a chi ci ha proposto nuovi stili di vita e di visioni.

Ma un grazie immenso va anche alle migliaia di persone che hanno affollato il bocciodromo di Feltre e che, portandosi a casa qualche seme da affidare alla terra, è diventato un "custode della biodiversità"
Siamo contenti di essere riusciti a far incontrare così tante sensibilità, in un contesto totalmente auto finanziato, in cui abbiamo deciso di proporre solo assaggi analcolici e vegetariani/vegani, una serie di percorsi atti a ridurre al minimo i rifiuti non riciclabili (migliaia di persone hanno di fatto prodotto solo qualche kg di questo tipo di rifiuti) Luogo a ingresso gratuito in cui non c'era vendita ma prevaleva il dono, lo scambio, il baratto e l'offerta libera A breve proporremmo (come abbiamo fatto lo scorso anno) un bilancio trasparente dell'iniziativa sia economico che in termini di "rifiuti"

Ma, come detto CHIAMATA A RACCOLTA non è un evento a se stante, è una tappa di un percorso di condivisione, partecipazione e crescita condivisa che proseguirà con una serie di incontri invernali, gratuiti, su tecniche di coltivazione, metodologie di selezione e conservazione della semente e molto altro

L'appuntamento più immediato è però molto più ravvicinato. Infatti l'iniziativa di domenica scorsa ha visto avuto il battesimo un idea di coordinamento veneto anti OGM che darà vita a uno a uno spezzone "agricolo" durante la manifestazione contro le grandi opere, il consumo di territorio, i beni comuni che si terrà sabato prossimo(30 novembre) a Venezia.(cliccare qui per avere informazioni sulla manifestazione)
PER QUELL'OCCASIONE INVITIAMO TUTTI A PORTARE A VENEZIA UNA ZOLLA DI TERRA FERTILE DOVE PIANTAREMO "IL SEME DELLA SPERANZA", con la speranza (CON LA FORTE DETERMINAZIONE A FAR SI CHE) CHE LA NOSTRA REGIONE NON CADA NEL BARATRO DEL TRANSEGNICO, DEGLI OGM, MA COMINCI A PRENDER ATTO CHE SOSTIENE GIA' UN SISTEMA AGRICOLO CHE E' ECONOMICAMENTE E AMBIENTALMENTE PROBLEMATICO DI SUO...
Un grazie anche alla stampa locale che ha dato ampia visibilità a "chiamata a raccolto" Notiamo con un certo dispiacere la totale mancanza di giornalisti e servizio radio e televisivi a livello regionale (nonostante lo spessore degli espositori e la massiccia partecipazione) Forse non c'è da stupirsi se quando Fidenato e i pro OGM organizza qualche evento che richiama al massimo qualche decina di persone c'è un bruricare di TV e giornalisti, mentre quando la "biodiversità" sana e sostenibile "chiama a raccolta" migliaia di persone .. cio' viene quasi totalmente ignorato dai media..

Al di la di questa riflessione rimane comunque il dato di fatto che l'agricoltura, il coltivare, sano e sostenibile sta riscuotendo sempre maggior interesse e persone.
Concludendo con una battuta possiamo dire che il mondo NO OGM straccia nei numeri, in varietà e qualità.. Fidenato e chi vuole gli OGM con un clamoroso "alcune migliaia" contro "poche decina" !!

 

(de seduito riportiamo un bel articolo dedicato alla giornata dal corriere delle alpi ..per visitare la pagina del CdA cliccare qui)