AGRIREGIONIEUROPA

Numero 45 – Giugno 2016

 Rivista dell’Associazione “Alessandro Bartola” in collaborazione con 

CREA – Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria

 

I nodi vengono al pettine. Dopo i ritardi di avvio, ora che la Pac 2014-20 entra a regime, ci si rende meglio conto dell’estrema complessità della macchina che è stata messa in piedi. Il compromesso trovato a Bruxelles nel 2013, reso più intricato dalle decisioni degli Stati membri, ha creato un mostro ingestibile, inefficiente e iniquo. Che non aiuta gli agricoltori con i problemi che hanno e sciupa danaro pubblico per obiettivi non chiari. Ci riferiamo in primo luogo alla scelta di lasciare i pagamenti diretti al centro della Pac, e poi al loro “spacchettamento” in un sistema di varianti, eccezioni, deroghe dove la ratio si perde.

È così che da più parti si (ri)parla di riforma. Nel recente Consiglio agricolo informale di Amsterdam, la presidenza semestrale olandese ha presentato un documento [link] con una serie di indirizzi chiave su come cambiare la Pac: (a) estenderla ad una politica agricola e alimentare comune; (b) accrescere i fondi per l’innovazione e l’informatizzazione ben oltre l’attuale dotazione; (c) ampliare la proiezione ambientale della Pac favorendo la transizione a tecniche sostenibili e climate smart; (d) rafforzare la posizione degli agricoltori nella catena alimentare; (e) accrescere la compatibilità della Pac nei rapporti con il resto del mondo, in primis con i Pvs.

A quel vertice la Francia ha portato un suo contribuito [link] che propone una Pac su tre Assi: il primo per la crescita, il lavoro e la competitività, orientato a innovazione, digitalizzazione, formazione, ringiovanimento, diversificazione; il secondo per i beni pubblici ambientali e per i territori specie quelli con handicap naturali; il terzo per la “resilienza” in cui si propone che parte del budget dei pagamenti diretti possa essere forzosamente risparmiata negli anni favorevoli per attivare una Pac anticiclica compatibile con l’annualità del bilancio.

Questa posizione riflette un precedente appello di cinque eurodeputati del gruppo socialista e democratico [link]. Giudicando che “quando una politica non ha raggiunto i suoi obiettivi, bisogna cambiarla”, il documento afferma: “l’Unione europea è sola a basare la sua politica agricola su sostegni disaccoppiati (…). Le politiche agricole dei grandi paesi produttori (Usa, Brasile, Canada, Cina …) hanno messo a punto dispositivi che mirano a stabilizzare i prezzi e i volumi d’affari”.

Il recentissimo risultato del referendum sulla Brexit rende ancor più evidente quanti rischi corra quel progetto di Europa unita che i padri fondatori dell’UE concepirono a Ventotene e uscendo poi dalla guerra. La Pac è stata e deve tornare ad essere uno dei pilastri di quella costruzione. Quella attuale centrata sui pagamenti diretti è un assist agli euroscettici.

Questo numero di Agriregionieuropa è dedicato al tema delle Aree interne e della strategia in loro favore avviata nel nostro Paese dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica del Ministero dell’Economia, per orientare la programmazione comunitaria 2014-20. La raccolta è stata coordinata da Francesco Mantino e Sabrina Lucatelli.

Una seconda parte organica del numero è dedicata al tema dell’agricoltura contadina con particolare riferimento alle proposte di legge presentate da vari gruppi politici a seguito della campagna popolare avviata nel 2009. Essa è stata coordinata da Alessandra Corrado, Isabella Giunta e Annamaria Vitale.

 

 

Sommario

Editoriale

 

Il tema - 1

 

Le aree interne in Italia: un laboratorio per lo sviluppo locale

Francesco Mantino, Sabrina Lucatelli

 

Strategia Nazionale per le Aree Interne: un punto a due anni dal lancio della Strategia

Sabrina Lucatelli

 

Le “periferie interne”. Che cosa sono e di quali politiche necessitano?

Andrew Copus, Joan Noguera

 

Le interazioni tra montagna rurale e città pedemontane attraverso l’analisi dei flussi

Giuseppe Dematteis

 

Le politiche sanitarie nelle aree interne del paese: scenari, sfide e innovazioni

Chiara Marinacci, Roberto Laneri, Maria Miceli, Lidia Di Minco, Cristina Tamburini

 

La Pac e le aree interne

Franco Sotte

 

Approcci territoriali tra aree interne e aree rurali: il contributo dei Piani di Sviluppo Rurale

Francesco Mantino, Giovanna De Fano

 

I luoghi di intervento. Un’analisi che assomigli a un’inchiesta

Anna Natali

 

L’innovazione che viene dalla periferia: welfare e Strategia Nazionale Aree Interne

Giovanni Carrosio

 

Innovazioni dal basso e imprese di comunità: i segnali di futuro delle aree interne

Claudio Calvaresi

 

I migranti nelle aree interne. Il caso della Calabria

Alessandra Corrado, Mariafrancesca D’Agostino

 

Innovazione e sviluppo nelle aree interne : il caso delle aree prototipo in Puglia, Campania e Molise

Daniela Storti

 

Il ruolo dei Comuni ed il requisito associativo nella Strategia Nazionale Aree Interne

Francesco Monaco

 

Le politiche delle amministrazioni comunali nelle aree interne. Un’analisi basata sulla spesa pubblica

Luigi Mastronardi, Elena Battaglini, Vincenzo Giaccio, Davide Marino

 

Le foreste delle aree interne: potenzialità di sviluppo dell’economia locale e di offerta di beni pubblici

Davide Pettenella, Raul Romano

 

L’agricoltura nelle aree interne: un’analisi della produttività e redditività delle aziende agricole tramite la Rica

Sonia Marongiu, Luca Cesaro

 

Aree Interne, multifunzionalità e rapporto con la città

Benedetto Meloni

 

Aree interne e sviluppo rurale: prime riflessioni sulle implicazioni di policy

Daniela Storti

 

Aree interne e tourism transition: nuove pratiche turistiche e riorganizzazione dell’offerta in funzione della rivitalizzazione

Rita Salvatore, Emilio Chiodo

 

Il tema - 2

 

Una legge per l’agricoltura contadina: una innovazione per un altro sviluppo?

Annamaria Vitale, Isabella Giunta, Alessandra Corrado

 

La Campagna Popolare per l'Agricoltura Contadina e le proposte per una legge di tutela

Isabella Giunta

 

Intervista ad Antonio Onorati

Isabella Giunta, Mauro Conti, Stefano Mori

 

Intervista a Roberto Schellino

Isabella Giunta, Francesca De Stefano

 

Sementi e agricoltura contadina: un binomio che rivendica diritti

Yvonne Piersante

 

I percorsi attorno all’agricoltura nella cornice dell’economia solidale

Adanella Rossi, Davide Biolghini

 

Agricoltura contadina, accesso alla terra e giovani: approcci, risorse e politiche inutilizzate e/o (mal)utilizzate

Giuseppe Gaudio, Palmerino Trunzo

 

Agricoltura italiana e agricoltura contadina.

L’ingiusta competizione tra modelli produttivi e sistemi distinti.

Antonio Onorati, Mauro Conti

 

Approfondimenti

 

Pac 2014-2020: strategie e strumenti di intervento nell’UE 28

Serena Tarangioli, Fabio Pierangeli

 

Lotta allo spreco, assistenza alimentare e diritto al cibo: punti di contatto e controversie

Sabrina Arcuri, Francesca Galli, Gianluca Brunori

 

L’agricoltura sociale nei Programmi di Sviluppo Rurale 2014-2020: quali opportunità

Michela Ascani, Carmela De Vivo

 

La canapa come opportunità di sviluppo per le imprese agricole

Diego Aluigi, Elena Viganò

 

 

E se scienze agrarie e scienze forestali divenissero ingegneria agraria ed ingegneria forestale?

Antonello Lobianco

 

Tradizione e innovazione per la valorizzazione della castanicoltura da frutto: dal legame con il territorio al panel di assaggio

Tatiana Castellotti, Gabriella Lo Feudo

 

Esperienze

 

L’agricoltura biologica in Umbria

Evoluzione e prospettive

Andrea Arzeni, Michela Ascani

 

La montagna lucana. Un’esperienza di sostenibilità e di integrazione

Assunta D'Oronzio, Domenica Ricciardi

 

Schede

 

Nuove Terre

Saverio Senni

 

 

Vai all’ultimo numero di AGRIREGIONIEUROPA

 

 

Periodico registrato presso il Tribunale di Ancona n. 22 del 30-6-2005
ISSN: 1828 - 5880

Direttore responsabile:
Franco Sotte

Comitato scientifico:
Roberto Cagliero, Angelo Frascarelli, Francesco Pecci, Maria Rosaria Pupo D’Andrea, Cristina Salvioni, Mario Veneziani, Francesco Vanni, Silvia Coderoni, Francesco Pagliacci

 

Segreteria di redazione:
Silvia Coderoni, Francesco Pagliacci

Editing:
Leonardo Capotondo, Giulia Matricardi, Anthony Melgarejo Villanueva