You need the Flash plugin to see this content Download Macromedia Flash Player
Attività : Sugli emendamenti del Parlamento Europea Alla prosta di nuovo regolamento sulla commercializzazione delle sementi
Inviato da riccardofr il 8/11/2013 8:26:35 (2837 letture) News dello stesso autore

lo scorso giovedi (31 ottobre 2013) il Parlamento Europeo ha prodotto i suoi emendamenti al testo della Commissione. Ora c'è tempo fino ai primi di dicembre per fare ulteriori emendamenti.
In merito a questi emendamenti segnaliamo:



1. all'articolo 2 sulle esclusioni sono aggiunte le persone (oltre alle associazioni e ai network) che conservano la diversità, con specifico riferimento alla conservazione on farm. Questo punto siamo riusciti a inserirlo noi.

2. nell'articolo 3.6 sulla definizione di operatore professionale è stata aggiunta la frase "with a view of commercial exploitation", che dovrebbe rinforzare il concetto che gli operatori professionali fanno i sementieri di professione, mentre gli agricoltori che possono produrre sementi per sè o per scambio e speriamo vendita non sono operatori professionali.

3. è stato eliminato il doppio valore agricolo e tecnologico, quindi si torna a un solo sistema di test, solo che ancora non si sa su quali specie (solo specie agrarie come ora, o anche ortive?).

4. per varietà di nicchia e materiale eterogeneo sono stati fatti due articoli ad hoc con procedure simili alle varietà con descrizione ufficialmente riconosciuta. Cioè anche queste "varietà" dovranno essere iscritte al catalogo (anche se con regole diverse) prima di essere commercializzate.

5. è stato tolto ogni riferimento alle esenzioni dai pagamenti per iscrizione delle microimprese (ricordo meno di 2 mln di euro di fatturato e 10 dipendenti), così come il fatto che le microimprese potevano vendere varietà di nicchia senza che queste fossero registrate a un catalogo.

6. è stato tolto il riferimento al fatto che le varietà di nicchia potevano essere venduta da soggetti che non operatori professionali.

7. è stato aggiunto l'obbligo di indicare il metodo di produzione della varietà al momento della sua iscrizione.

Il testo completo con tutti gli emendamenti

In sostanza si può dire che alcune pressioni delle lobby sementiere sono riuscite a togliere la forte apertura legata alle varietà di nicchia riconducendole dentro il solito sistema anche se semplificato: la registrazione al catalogo. Inoltre credo anche per insistenza di alcuni stati membri sono state tolte le esenzioni per le microimprese perchè avrebbero aperto la porta a troppe imprese, con costi troppo elevati per gli stati. A detta del parlamento e dei sementieri quasi tutte le ditte potrebbero rientrare in questa taglia.... mi sembra una evidente forzatura ma al momento la situazione è questa.

News precedente - News successiva Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news


Segnala questa news

                   

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
 
Via di Casignano, 25
50018 Scandicci (FI)
Mob +39 3481904609
FAX 1782283769