You need the Flash plugin to see this content Download Macromedia Flash Player
Rete Semi Rurali  >  Agrobiodiversità e legislazione  >  Varietà da conservazione

Varietà da Conservazione
Ovvero quelle tradizionalmente coltivate in particolari localita' e regioni e minacciate da erosione genetica.
Per le orticole anche quelle  prive di valore intrinseco per la produzione a fini commerciali ma sviluppate per la coltivazione in condizioni particolari.

(agosto 2011)



Le varietà da conservazione sono entrate nel panorama legislativo sementiero nel 1998 con la dir. 98/95/CE. In questi 13 anni si sono emanate altre tre direttive la 2008/62/CE (piante agricole e patate), la 2009/145/CE (specie ortive)e la 2010/60/CE (
miscele di sementi di piante foraggere destinate a essere utilizzate per la preservazione dell’ambiente naturale).


Delle tre direttive due sono state recepite in Italia con i seguenti 2 decreti legislativi: D.Lgs. n.149 del 29 ottobre 2009 (piante agricole e patate pubblicato in GU n° 254 del 31 ottobre 2009) e D.Lgs. n° 267 del 30 dicembre 2010 (specie ortive, pubblicato i G.U. n° 34 dell’11 febbraio 2011). Entrambi i decreti sono in vigore.
Le norme applicative erogate sono le seguenti:
1-D.M. del MiPAAF del 17/12/2010, pubblicato in G.U. n°39 del 17 febbraio 2011. "Disposizioni applicative del D.L. n° 149 circa le modalità per l'ammissione al registro nazionale delle varietà da conservazione di specie agrarie".


Cosa manca ancora?
Lo scenario legislativo sulle Varietà da Conservazione è ancora orfano del D.Lgs. di recepimento della direttiva 2010/60/CE e soprattutto  di un D.M. del MiPAAF che definisca le "modalità di esercizio da parte degli agricoltori del diritto alla commercializzazione delle Varietà da Conservazione". Ancora oggi infatti non c'è chiarezza su tali modalità.


Nel 2007 con la  L.46/2007, conosciuta anche come legge de Petris, si ammette la commercializzazione delle Varietà da Conservazione da parte degli agricoltori affermata anche nel D.Lgs. 149/2009. Tale diritto alla commercializzazione è poi inserito nel corpus, sempre aggiornato, della legge sementiera 1096/71 che all'articolo 19 bis recita: “ai produttori agricoli, residenti nei luoghi dove le “varietà da conservazione” iscritte nel registro di cui al comma 1 hanno evoluto le loro proprietà caratteristiche o che provvedano al loro recupero e mantenimento, è riconosciuto il diritto alla vendita diretta in ambito locale di modiche quantità di sementi o materiali da propagazione relativi a tali varietà, qualora prodotti nella azienda agricola condotta”.


Nonostante questo allo stato attuale in Italia, in termini applicativi, per vendere sementi è necessario:
1-avere una specifica autorizzazione che deve essere richiesta ai Servizi Fitosanitari Regionali;
2-dimostrare di avere adeguate capacità tecniche e macchine adatte alla pulizia e al trattamento delle sementi


come riportato in Art.12 del D.L. 150 del 2/09/2007 e artt. 19 e 49 del D.L. 214 del 19/09/2009.


Norme, queste ultime, adatte alle ditte sementiere ma inadeguate o di difficile applicazione per quegli agricoltori che vogliono produrre e vendere sementi delle proprie varietà da conservazione a livello locale.



Quante Varietà da Conservazione sono iscritte nei Registri Nazionali?
Ad oggi (agosto 2011) le varietà da conservazione iscritte nel Registro Nazionale delle varietà agrarie datato marzo 2011 sono 8, mentre quelle iscritte in quello delle ortive datato maggio 2011 sono 9.
Di queste 17,  16 sono varietà da conservazione del territorio piemontese e una del Trentino Alto Adige.



Difficoltà di identificazione delle Varietà da Conservazione nei Registri Nazionali
Tutte le varietà da conservazione definite tali per decreto ministeriale sono iscritte nei registri rispettivamente delle specie agrarie e delle ortive.  Abbiamo però osservato che le varietà iscritte, ad esclusione di una,  non sono identificate e quindi identificabili come "varietà da conservazione".



APPROFONDIMENTI
 


Leggi e scarica


L. 46/2007 nota come Legge de Petris


D.L. n. 149 del 2009 (piante agricole e patate da tubero e da semina)


D.M. del  MiPAAF 17/12/2010 (Disposizioni applicative del D.L. n°149)


D.L. n.267 del 2010 (specie ortive)


Collegati e leggi
Registro Nazionale delle Varietà di specie Ortive: http://www.sementi.it/registri_vari ... ortive.htm
Registro nazionale delle Varietà di specie Agrarie: http://www.sementi.it/registri_vari ... grarie.htm
Varietà da Conservazione del Piemonte iscritte nei Registri Nazionali delle Varietà di specie agrarie e ortive: http://www.piemonteagri.it/qualita/ ... servazione


 

Versione stampa
Invia a un'amico
Precedente
La legislazione europea
all'inizio della categoria
Agrobiodiversità e legislazione
Prossimo
La valutazione europea
 
Via di Casignano, 25
50018 Scandicci (FI)
Mob +39 3481904609
FAX 1782283769