Le organizzazioni impegnate nella campagna No Patents On Seeds sono preoccupati per l'aumento del numero di brevetti su piante, semi, animali da fattoria e il loro impatto sugli agricoltori, allevatori, l'innovazione e la biodiversità. Questi brevetti costituiscono un ulteriore mezzo di dipendenza per gli agricoltori, gli allevatori, i produttori e i consumatori. Questi brevetti devono essere considerate come appropriazione indebita di risorse essenziali per la pratica aziendale e agricola per la produzione di cibo e come un generale di abuso del diritto dei brevetti. Riteniamo urgente ripensare Europea, diritto dei brevetti nel campo della biotecnologia e degli allevamento e promuoviamo lo sviluppo di una chiara normativa che escluda dalla brevettabilità dei processi quelli relativ all'allevamento, il materiale genetico di piante e animali e alimenti derivati.

Altre info qui

Resta aggiornato @NoPatentsOnSeed